VOLONTARI

image

La storia della Pubblica Assistenza Valtidone-Valluretta comincia nel 1988, nascita dell’associazione, quando un gruppo di persone ritenne di poter offrire un contributo utile alla popolazione della Val Tidone-Val Luretta. L’esigenza era quella di fungere da supporto alle strutture pubbliche e sopratutto quella di portare aiuto e di essere vicino a chi ne ha bisogno.
Il 1° Febbraio 1988 venne costituita giuridicamente davanti al notaio l’Associazione Volontaria denominata “Pubblica Assistenza Val Tidone Val Luretta”. Nel mese di marzo dello stesso anno, inizia il primo “Corso di Pronto Soccorso”, tenuto dai medici dell’ospedale di Castel San Giovanni. Il corso si ripete ogni anno.
L’attività cominciò con i primi mezzi a disposizione: Autoambulanza Fiat 238, donata dalla U.S.L. di Castel San Giovanni, ed una Alfetta 1800, donata dalla coincessionaria Oltrepò di Stradella. La prima uscita ufficiale coincise con la visita di S.S. Giovanni Paolo II il 5-05-1988.
Dal lontano 1988 la Pubblica Assistenza Val Tidone Val Luretta ne ha fatta di strada, sempre con grande attenzione ai più innovativi sistemi di soccorso, alla cura dei pazienti bisognosi ed ai nuovi mezzi di trasporto che l’associazione cerca di consegnare al proprio personale volontario. Una storia che ha insegnato alle persone facenti parte questa grande famiglia che dare un ulteriore aiuto ed un sostegno ai cittadini vale più di ogni altro premio e riconoscimento ufficiale, rende orgogliosi ed aumenta il patrimonio del territorio, che attraverso i suoi cittadini, ringrazia la volontà di persone dal cuore grande. Volontariato non significa tralasciare le misure di sicurezza che sono necessarie a questo lavoro di soccorso. Nulla è lasciato al caso ed i volontari della Pubblica Assistenza Val Tidone Val Luretta sono pronti e ben preparati ad affrontare tutte le evenienze.

Chi sei? Roberta Sidri, ho 33 anni, abito a Castel San Giovanni e lavoro come impiegata

Da quanto sei volontario? Da ottobre 2016

Come hai conosciuto la Pubblica? Ho sempre conosciuto la Pubblica in quanto è una presenza forte sul territorio, in particolar modo tramite la testimonianza di volontari che conoscevo

Perché sei volontario? Per il desiderio di dedicarsi agli altri. E’ una esperienza forte che mi ha cambiato la vita

Cosa trovi in Pubblica? Sono entrata in associazione con l’idea di aiutare per le attività in sede. Grazie all’entusiasmo e alla passione degli altri volontari ho fatto il corso e ora presto servizio come soccorritrice. Ho trovato persone “comuni” che si mettono in gioco, ognuno porta le sue conoscenze per poter fare insieme e sempre meglio. Faccio circa 4 turni al mese, ci vuole responsabilità e impegno perché a volte ci si trova affrontare situazioni critiche, ma alla fine di ogni turno sono grata per il tempo speso gratuitamente per gli altri; è difficile dimenticare certi “grazie” o certe “strette di mano” che ti riempiono il cuore. Il mio esserci, a volte, può fare la differenza.

Chi sei? Giuseppe Marcinnò, ho 58 anni, abito a San Nicolò e lavoro nell’ambito della sicurezza

Da quanto sei volontario? Dal 2011

Come hai conosciuto la Pubblica? Tramite la pubblicità del corso di Primo Soccorso sui giornali

Perché sei volontario? Per dare una mano a chi ne ha bisogno e inoltre impiego una parte del mio tempo libero

Cosa trovi in pubblica? Mi sono specializzato come autista 118 e faccio circa 4 turni al mese. E’ un’attività di responsabilità e buon senso, ci sono giorni pieni di eventi tutti diversi grazie ai quali acquisisci ulteriore esperienza. Il percorso di formazione è molto utile e completo e ognuno può scegliere quello in cui si sente più capace e realizzato. Si lavora sempre in squadra, consapevoli dei propri limiti, ma insieme per realizzare obiettivi comuni. E’ un ambiente sano, dove ci si può fidare delle persone e dove l’amicizia fa la differenza.

Chi sei? Desy Mihaylova, ho 44 anni, abito a Castel San Giovanni e sono in Italia da 18 anni

Da quanto sei volontario? Dal 2012

Come hai conosciuto la Pubblica? Ho visto il manifesto che pubblicizzava il corso

Perché sei volontario? volevo fare qualcosa in ambito sanitario e ho trovato la Pubblica

Cosa trovi in Pubblica? Faccio prevalentemente il soccorritore sul 118 e faccio circa 5 turni al mese, compatibilmente con il lavoro. Il corso mi ha preparato su come intervenire nelle varie situazioni e con la pratica e l’esperienza ho scoperto le sfaccettature del nostro servizio. L’ambiente è accogliente, ho sviluppato relazioni anche in ambiente ospedaliero che mi danno soddisfazioni.

Chi sei? Carlo Borghi, ho 66 anni, abito a Calendasco e sono pensionato

Da quanto sei volontario? Dal 2009

Come hai conosciuto la Pubblica? Ho conosciuto la Pubblica tramite una volontaria che mi ha accompagnato in pubblica ad iscrivermi al corso di primo soccorso.

Perché sei volontario? Mi avevano avvertito che, con il passare del tempo, l’attività mi avrebbe preso sempre di più…e così è stato!

Cosa trovi in Pubblica? Ho iniziato da subito a fare l’autista-soccorritore e faccio circa 8 turni al mese perché sono molto impegnato anche con un’altra associazione. Spesso faccio l’autista sui servizi ordinari. Grazie a questa associazione ho conosciuto persone splendide che usano il loro tempo libero per aiutare persone in difficoltà. La preparazione sanitaria mi ha aiutato a comprendere le patologie e conoscendo le strutture ospedaliere ho la possibilità di muovermi più facilmente.

L’ambiente è stimolante, si instaurano vere amicizie…. e si cerca sempre di operare con il sorriso!

Chi sei? Franca Bottazzi di Creta …madre di famiglia

Da quanto sei volontaria? Dal 2004

Come hai conosciuto la Pubblica? Tramite la festa di Creta

Perché sei volontaria? Ho conosciuto i volontari alla festa e mi sono detta” se questi ragazzi sono qui per aiutare gli altri perché non posso farlo anch’io?”. Mi sono specializzata come autista e mi occupo dei servizi intraospedalieri e per i privati

Cosa trovi in pubblica? L’attività nell’Associazione mi piace perché mi offre la possibilità di aiutare le persone nel momento del bisogno. Faccio almeno 8 turni al mese, l’ambiente è sano e riesce a far collaborare persone anche molto diverse tra di loro. Quando sono al volante sono molto concentrata, non solo per la guida ma anche perché trasporto colleghi e pazienti che si affidano a me.

Due protagonisti...

Sono Enrica Albanesi ed in breve vi racconto la mia esperienza

E’ sabato sera, sono a ballare, un amico si avvicina  e mi dice :” Sai hanno deciso di fondare un’associazione di volontariato per il soccorso e trasporto malati, ti interessa?”

Lui è negli alpini e sa che frequento la scuola per diventare infermiera sono al 2° anno. Così è iniziata la mia avventura in Pubblica.

Da allora sono passati 30 anni. Eravamo talmente in tanti che hanno dovuto dividerci in 2 gruppi perché non stavamo nell’aula.

In questi anni ho visto il mio lavoro trasformarsi, il soccorso cambiare, nascere il sistema 118, l’arrivo dei primi defibrillatori sulle ambulanze dei volontari, passare dal “ carica e porta in ospedale” a seguire corsi per diventare sempre più bravi e preparati nell’uso dell’attrezzatura tecnica e nell’approccio al paziente.

Adesso dopo anni di sala  operatoria sono finalmente arrivata al Pronto Soccorso. A ma il mio lavoro piace tanto, talmente tanto che quando riesco faccio i turni in Pubblica. Quando posso insegno, spiego quello che vogliono sapere in più o le loro curiosità, ci si confronta per dare sempre un soccorso migliore, li chiamo se sono in difficoltà con più pazienti si collabora, si lavora anche in fiducia con quelli con più esperienza.

La Pubblica non è solo soccorso, è soprattutto aiutare le persone non autosufficienti a raggiungere luoghi di cura o a tornare verso casa in modo sicuro ed accurato.

Per non parlare poi dei clienti fissi, affezionati, quelli che trasportiamo regolarmente a fare la dialisi con i quali si crea un rapporto speciale, quasi uno di famiglia perché puntualmente li portiamo a fare terapie che per loro sono salvavita con qualsiasi tempo, sempre puntuali.

Tornassi indietro lo rifarei ancora, rifarei tutto perché è una delle esperienze che più ti soddisfa, senza nessuna mania di protagonismo, solo per il puro piacere di aver aiutato qualcuno in difficoltà, perché questo è il vero spirito del volontario. 

Sono Domenico Gallarati, ho 70 anni e abito a Castel San Giovanni.

Sono in pubblica dal 2000, sono nel 19° anno di attività, ho fatto circa 5.000 turni, svolgo le attività di autista-soccorritore e collaboro a tutti i servizi svolti dall’Associazione.

Sono stato responsabile della formazione seguendo il percorso degli allievi e l’aggiornamento per tutti i militi, ho apprezzato la disponibilità dei medici e infermieri docenti che si sono impegnati per la formazione di tutti noi.

Gli allievi che si sono avvicinati alla Pubblica sono di diverse età, anche se parecchi pensionati purtroppo declinano l’invito a fare il volontario.

Dal 1999 il comune ci ha consentito di avere una sede appropriata per noi e i nostri mezzi, le amministrazioni che si sono succedute hanno sempre confermato tale decisione.

La Pubblica ha mantenuto il suo indirizzo e i suoi valori nel tempo aumentando i servizi per la cittadinanza.

Nonostante gli anni, le mattine che inforco la mia bicicletta e vengo in pubblica mi sento bene, ringiovanito e spero che la mia attività sia utile alla popolazione.

Pubblica Assistenza Valltidone-Valluretta, contattaci per avere informazioni.

Grazie per averci contattato :)

Enter a Name

Enter a valid Email

Message cannot be empty